Cookie policy

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più consulta la cookie policy

Cookie necessari
Cookie Statistici
IL GIORNALE CHE GUARDA AL FUTURO
info@adventusnews.it
Redazione: 20/01/2021

SIAMO SPECIALI, NON INVISIBILI!

foto di Francesca Casonato
foto di Francesca Casonato

“Portami per mano”, la Onlus che trae dalla difficoltà l’opportunità per essere migliori.

di Rosanna Favulli

Elena ha uno sguardo dolce, con i suoi grandi occhioni mi guarda e continua a ripetere: “Circo, ancora, ancora circo”. Gli occhi lucidi di papà Stefano e mamma Viviana quando Elena si alza e sale sul palcoscenico, inizia a giocare con una persona che non aveva mai incontrato prima, fa un inchino mentre il pubblico applaude e torna dai suoi genitori felice e sorridente, saltellando con allegria. Non succede spesso, anzi direi che non accade quasi mai che si avvicinino ad un estraneo perché il loro è un mondo dove solo chi ha “l’animo puro” ha il permesso di entrare.

Questo accadeva due anni fa, quando decidemmo, con una compagnia teatrale, di promuovere la “Giornata Mondiale dell’Autismo” con uno spettacolo clown a favore di “Portami per mano”, un’associazione nata da “un gruppo di famiglie che hanno figli portatori di disabilità sia fisiche che psicologiche, con l’obiettivo di creare opportunità per bambini e adulti, finalizzate alla costruzione di un ambito in cui tutti possono sentirsi accettati” che da gennaio di quest’anno è diventata, con orgoglio dei suoi associati, una “ONLUS”.

Poi l’idea sarebbe stata quella, ogni anno, di proseguire con nuovi momenti insieme ma l’emergenza sanitaria ha bloccato tutto. E non ha bloccato solo questo, non ha bloccato solo la leggerezza e la spensieratezza di piccoli attimi, ha – soprattutto – stravolto i momenti di vita quotidiana. Il Covid ha costretto i genitori di questi “bimbi speciali” a diventare tutto: genitori, amici, fratelli, sorelle, terapisti, insegnanti, psicoterapeuti. Ventiquattro ore al giorno per sette giorni alla settimana. Mai come in questo periodo sono stati abbandonati, fragili hanno bisogno di maggior attenzione.

Quindi? “Portami per mano” non si arrende, come tutte le comunità si fa forza l’un l’altro, si auto aiuta, si rende disponibile per fare della sua esperienza una “buona prassi”. Si reinventa, attraverso progetti per le famiglie, per i bambini, per far conoscere questo “fantastico mondo”.

Non si danno per vinti e continuano a nutrire speranza scrivendo anche un libro: “Testimoni di una Pandemia – Cosa succede ai tempi del Coronavirus?”. Quaranta interviste su come le persone hanno vissuto la quarantena. “Il risultato è un libro ricco di storie di sofferenza e isolamento, sì, ma anche di vita e di voglia di andare avanti. Che speriamo ispirino anche chi lo leggerà a non mollare e ad andare avanti anche nei momenti difficili” scrivono nella presentazione del libro, anche questo a distanza, e ancora: “O trasformiamo questo periodo in un’occasione per far nascere qualcosa di costruttivo per tutti, oppure ci abbandoniamo a una lenta sofferenza che ci può portare alla sfiducia e alla passività nell’attesa che la realtà cambi”.

Sono riusciti a trasformare questo periodo in occasione, in opportunità. Sono riusciti e continuano a non arrendersi. Adesso “Portami per mano” sta lavorando su due nuovi progetti: un documentario su Quarantena e Autismo, che si intitolerà "Autismo: storie parallele di una Quarantena" e raccoglierà l'esperienza vissuta in quest'anno da quattro mamme dell’Associazione.

E un nuovo libro di ricette per bambini autistici, insieme a Lia Monteforte (una delle mamme e proprietaria del ristorante Casa Salefino, Autism Friendly dal 2021), strutturato con le loro agende visive per aiutarli a seguire le istruzioni e preparare dei dolci buonissimi, studiati apposta per loro. Il libro verrà presentato nel corso di alcuni laboratori che faranno online con genitori e bambini.

Entrambi i progetti verranno presentati il 2 aprile 2021, in occasione della “Giornata mondiale dell’Autismo”.

La pandemia, la crisi, non ci lascerà uguali a prima, saremo peggiori o migliori di prima. Sta a noi questa scelta (Papa Francesco) e “Portami per mano” ha scelto di essere migliore.

 

Si può rivedere il video della presentazione del libro al seguente link:

https://www.facebook.com/portamipermano/videos/3926040184102325/

Il libro potrà essere scaricato in PDF a questo link: http://www.portamipermano.it/presentazionelibro-2/

Richiedibile anche in cartaceo con una donazione all’Associazione “Portami per mano” (http://www.portamipermano.it/libro/)

di Rosanna Favulli

Si è svolto online, il 9 gennaio, l’incontro ...

di Mariella Pezzoli

Un Dicembre che “paga” e ripaga in ogni ...

di Lucia LoPalo

Con gli occhi di una bambina contemplo le luci ...

Colletta Alimentare
di Rosanna Favulli

La Fondazione Banco Alimentare promuove anche ...

di Mariella Pezzoli

Novembre si apre con la carte senza numero “Il ...